Vespa forever 2: il nuovo forum di vespaforever.net lnx.vespaforever.net
Vespa, accessori e ricambi in vendita su eBay, guarda gli annunci! Condividi

 

Il nuovo forum di VespaForever.net

Questo Forum resterà aperto solo in lettura, come un grande archivio. Registrati sul nostro nuovo Vespa Forum

lnx.vespaforever.net - vespaforever.net/vespaforum  

Forum Vespa Piaggio: Vespaforum e mercatino di www.vespaforever.net - Scheda tecnica gs 150 vs5
Forum Vespa Piaggio: Vespaforum e mercatino di www.vespaforever.net

Forum Vespa Piaggio: Vespaforum e mercatino di www.vespaforever.net
[ Home | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Regole del forum | Utenti Album Fotografico | | Download | CERCA | Help ]
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Schede tecniche Vespa
 Dati tecnici e storici di vari modelli Vespa
 Scheda tecnica gs 150 vs5
 Forum Bloccato
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore  Discussione Discussione Successiva  

santolo
Utente Senior

fb
Città: Fossacesia


1247 Messaggi


Inserito il - 30/08/2010 : 23:53:17  Mostra Profilo Invia a santolo un Messaggio Privato
CENNI STORICI

La gran sport 150 fu inizialmente prodotta nel 55'(vs1) e venne aggiornata quasi ogni anno (vs2-56',vs3-57',vs4-58'e infine vs5 fine 58'fino al 61').
Questa vespa all'epoca ottenne un successo strepitoso tra i vespisti perchè presentava tante novità sia estetiche che meccaniche, ma sopratutto erano gli anni di tante competizioni motoristiche ed il modello GS affermava la vocazione sportiva di casa Piaggio, competizione che vedeva negli anni 50'sopratutto fronteggiarsi a colpi di rekord la Lambretta e la Vespa .
La Piaggio riuscì con questo modello a soddisfare le richieste dei clienti più esigenti che chiedevano un mezzo più sportivo e dalle prestazioni più elevate, anche se in verità l'ammirazione per il modello GRAN SPORT rimase per molti solo un desiderio, visto il costo non proprio economico della 150GS rispetto agli altri modelli in produzione (VL1-2-3, VB1T, VBB, VBA, VNB) per questo motivo la 150GS allora come oggi rimane Oggetto di Lusso molto ricercato.
Furono molte le innovazioni a partire dal telaio che rispetto alle contemporanee faro basso presentava una forma più aerodinamica,ovvero lo scudo anteriore era più inclinato ed era derivato dalla 125 sport(51'-53').
Il manubrio era pressofuso in alluminio e al suo interno era alloggiato il faro di dimensioni più grandi(115 mm).
Le sacche erano di dimensioni più grandi e il sellone era lungo e confortevole e permetteva di sedersi accucciati sul retro, le ruote erano da 10 pollici e il motore specifico per il modello presentava un bel cambio a 4 marce oltre a molte diverse modifiche che poi saranno dettagliate in seguito.
Ottime erano le prestazioni che sfioravano i 100 Km/h, anzi li suoperavano (VS3-4-5) fu in effetti la prima Vespa di serie a raggiungere tale velocità di tutto rispetto visti i suoi tempi.
La gs 150 è stata prodotta con un solo colore dalla vs1 alla vs5: grigio metalizzato.
In questa scheda tecnica saranno riportate tutte le caratteristiche e le particolarità della vs5 prodotta in circa 80.000 esemplari dal numero di telaio 0047351 al telaio 00127350.

DETTAGLIO COLORAZIONE




PARTI IN TINTA: tubosterzo,cerchi ruota,coprimozzo,serbatoio supplementare(optinal)

BASE FONDO: interno parafango,interno sacche laterali,tunnel,sotto al serbatoio.
All'interno dello sportellino dove è alloggiato il decantatore e all'interno dello sportellino della sacca sinistra dovrebbero essere verniciati in tinta anche se ci sono tesi discordanti.
Stesso discorso per i numeri di telaio che sono alloggiati sotto la sacca sinistra,invece per quanto riguarda i numeri di telaio all'interno dello sportellino dove è alloggiato il decantatore vanno su base fondo.

NERO RAGGRIZZANTE:cuffia copricilindro,coperchio vaschetta depuratore,coperchio presa bassa tensione.

GRIGIO ALLUMINIO 1.268.0983: copriventola

TRATTAMENTI

CROMATURE:coperchio devioluci, nottolino commutatore,ghiera fanale,stop,clacson,moschettoni o viti di fissaggio maniglia sella,cornice contakm,viti fissaggio leve frizione e freno anteriore,serratura bauletto.

ZINCATURE:bulloneria esterna,cavalletto e staffe,staffa batteria,piastra chiusura sella,molla ammortizzatore anteriore,stelo ammortizzatore posteriore ma qui ci sono tesi discordanti.

FOSFATIZZAZIONE:coperchio radrizzatore,molla e supporto ammortizzatore posteriore anche se in fase di restauro si opta anche per la brunitura, ciò non compromette il restauro in quanto questi trattamenti hanno lo stesso fine:prevenire la ruggine.









BRUNITURA:4 viti fissaggio ventola motore

NICHELATURA OPACA:serratura bloccasterzo

LUCIDATURA A SPECCHIO:manicotti manubrio,leve freno anteriore e frizione,pedale freno posteriore,pedivella,cresta parafango,leva rubinetto miscela,pomello aria,striscie e terminali pedana,gancio portaborsa,gancio fissaggio sacca sinistra.

PARTICOLARI

Il CONTACHILOMETRI è di forma a ventaglio con fondo scala a 120 KM/h
di marca VEGLIA BORLETTI e con lampadine di illuminazione 6V-0,6w.
Fino al 60'(numerazione di telaio non identificata) il fondo aveva delle finestrelle che dividevano i Km, dopo scomparivano.
Stesso discorso per la spia rossa alloggiata nel manubrio sopra il contakm che segnalava l'accensione delle luci di posizione.






La ghiera del fanale marchiata SIEM viene fissata al manubrio con 2 viti nella parta inferiore,mentre nel foro sulla parte anteriore del manubrio la stessa a differenza delle serie precedenti viene incastrata con una linguetta anzichè che con una vite.




Lo scudetto adesivo davanti allo scudo è in resina successivamente sarà adottato quello in plastica poi montato anche sulla versione 160 del 62'.

La scritta " gs" è di colore blu notte ed è fissata con dei ribattini







Il parafango ha la stessa forma delle serie precedenti ma si presenta con un bordino di rinforzo.

I cerchi ruota sono ad anello scomponibili da 10 pollici e vengono fissati mediante 5 bulloni con passo interno standard da 8mm ed esagono da 14,centralmente c'è una borchia d'acciaio che copre il mozzo.
Questo sistema rispetta al precedente che veniva fissato con 4 dadi è più sicuro visto con il tempo non tende ad allentarsi, inoltre il disegno con le alette permette un miglior raffreddamento.




La cresta fissata sul parafango è la stessa della vs1-4 fino alla numerazione di telaio 0059310 poi dal telaio 0059311 verrà sostituita con un'altra di forma diversa.






L'ammortizzatore anteriore è in alluminio tipo faro basso fino al telaio 0066029 poi dal telaio 0066030 verrà sostituito con quello in metallo.






IL bordoscudo originale dell'epoca è in acciaio inox ed è marcato ULMA,lo stesso marchio è visibile sull'estremità dello stesso.
Inoltre differisce dalle riproduzioni non solo per la qualità ma anche perchè per ogni semiscudo ci sono 5 viti a grano per fissarlo anzichè 4.






Dietro lo scudo nella parte di destra c'è l'adesivo rodaggio al 6%




Il portaruota è alloggiato dietro lo scudo ed è di tipo frontale.
Questo pezzo è opzionale e montava di diversi tipi,dal classico Fabbri con la molletta a quello che presentava nella parte superiore un gommino.
Al centro del portaruota stesso c'è anche una filettatura che serve per alloggiare il serbatoio supplementare.

Immagine:

5,72 KB

Immagine:

124,88 KB


Il serbatoio supplementare è un optional ed ha una capacità di 5l,lo stesso non ha nessun tipo di collegamento al serbatoio della ed è fissato al portaruota di scorta mediante un pomello a vite.
Questo accessorio venne ideato per favorire le lunghe percorrenze,
i cosidetti raid.
Quello di tipo frontale è diverso nella forma rispetto a quello centrale,è tondo,il bocchettone è posto centralmente ed è munito di uno scudetto Piaggio smaltato.



Immagine:

121,77 KB

Immagine:

2,33 KB

Le strisce pedana sono di 9 pezzi e le liste esterne lato bordoscudo hanno dei terminali lunghi marcati ULMA che vanno ad incastrarsi sotto l'estremità del bordoscudo stesso.


Immagine:

112,89 KB

Immagine:

103,56 KB

I bulloni per il fissaggio del cavalletto sono in posizione rovescia e sono fissati con dei bulloni ciechi,lo stesso sistema era adottato anche sulla precedente vs4.


Immagine:

99,08 KB

Nuovo è il gancio portaborsa fissato sul telaio sotto la sella, lo stesso verrà montato sulla gran lusso del 63'.


Immagine:

93,24 KB

I numeri di telaio sono visibili sul bordo del telaio all'interno dello sportellino fino alla numerazione 52360,dal telaio 52361 i numeri si trovano sotto la sacca sinistra.


Immagine:

10,31 KB

Immagine:

11,88 KB

La sella è di colore blu scuro è munita di targhetta aquila continentale ha un bordo grigio e una maniglia passeggero con attacchi a moschettoni fino al telaio 0082388 poi dal telaio 0082389 la maniglia è fissata con delle viti a taglio.


Immagine:

6,85 KB

Immagine:

114,24 KB

Il serbatoio ha una capacità di 9,5l ed è munito di un tappo di chiusura con galletto a vite,quest'ultimo può essere coperto da un gommino che era opzionabile,sullo stesso tappo c'è l'adesivo miscela al 6%


Immagine:

66,51 KB

Sul serbatoio stesso c'è anche una piastrina fissata accanto alla sella che funge da fermo serbatoio.
Sull'estremità del serbatoio c'è anche la piastra per fermare la sella fissata con 2 bulloni con esagono da 14.


Immagine:

62,82 KB

Lo stop è lo stesso della vs4 in tinta con gemma dello stop color arancio fino alla numerazione di telaio 87589,poi dal telaio 87590 monta uno stop di dimensioni più grandi, cromato e la plastica ha incorporato il catarifrangente, il tutto marchiato SIEM.

Immagine:

3,24 KB

Immagine:

9,24 KB

Oltre alla fanaliera anche il devioluci è marchiato SIEM.


Immagine:

133,25 KB

Infine la marmitta è calettata al collettore mediante una ghiera filettata, non va verniciata anche se sul conservato di tecnica la stessa è di colore nero,non solo ma in alcuni restauri viene verniciata in oro virato.


Immagine:

90,43 KB

MOTORE

Il motore è a 2 tempi e funziona con miscela al 6% monta il carburatore dell'orto ub 23s3 a vaschetta laterale collegato direttamente sul cilindro, il cambio è a 4 marcie.
Il vs5m (sigla motore) rispetto alle precedenti serie subisce una modifica fondamentale per aumentare la sua affidabilità,infatti la camera di scoppio è trasformata ad alta turbolenza(a berretto di fantino)per migliorare il rendimento.
I numeri per l'identificazione del motore sono stampigliati sul braccio motore,l'attacco della candela è a forchetta con gommino,il copriventola è a tre razze e la vaschetta laterale del depuratore è munita di uno scarico a mezzo di un tubicino di gomma nero bloccato in una piastra metallica chiusa nel prigioniero del carter motore.


Immagine:

220,97 KB

Immagine:

123,18 KB



Immagine:

142,52 KB


Immagine:

12,54 KB

IMPIANTO ELETTRICO

L'impianto elettrico è munito di una batteria a 6v-12ah e raddrizzatore metallico.
La batteria ha la funzione di alimentare la bobina a.t. esterna che a sua volta mette sotto tensione la candela a cui è collegata.
Per azionare il motore ed ottenere la scintilla è necessario che venga ruotata la chiave di accensione nel commutatore nella relativa posizione(diversa da zero).
La batteria oltre ad alimentare la bobina a.t. e quindi la candela alimenta anche il clacson,le luci di posizione e la luce dello stop(alimentata mediante l'azionamento del pedale del freno a mezzo di un piccolo interruttore).
Ottenuto l'avviamento del motore è il volano del motore a 6 poli che genera una corrente alternata che arriva al raddrizzatore.
Quest'ultimo ha il compito di "raddrizzare" o meglio trasformare la corrente alternata generata dal volano in corrente continua che servirà a sua volta a tenere sotto carica la batteria quando il motore è in marcia.
Difetto molto temuto dai vespisti è l'inefficienza della batteria e del raddrizzatore.
Infatti se la batteria non è carica al 100% difficilmente si può realizzare l'avviamento classico tramite la pedivella,non a caso per sopperire a questa deficienza la vespa viene avviata a "spinta".
E'nota più dolente quando si tratta del raddrizzatore, se lo stesso non funziona bene il motore può risentire in carburazione e quindi in rendimento.
Per evitare questo problema viene utilizzato un raddrizzatore moderno al silicio anzichè uno al selenio utilizzato in quegli anni.





Immagine:

206,04 KB

SCHEMI UTILI



Immagine:

10,28 KB

Immagine:

10,56 KB

Immagine:

10,7 KB

Immagine:

10,48 KB



FAQ:gs 150 vs5
http://www.vespaforever.net/forum/topic.asp?TOPIC_ID=24307&SearchTerms=,scheda,tecnica,vs5

poeta
Moderatore

logo

Prov.: Roma
Città: roma


25632 Messaggi

Inserito il - 16/09/2010 : 11:37:11  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di poeta  Clicca per vedere l'indirizzo MSN di poeta Invia a poeta un Messaggio Privato
CENNI STORICI

La gran sport 150 fu inizialmente prodotta nel 55'(vs1) e venne aggiornata quasi ogni anno (vs2-56',vs3-57',vs4-58'e infine vs5 fine 58'fino al 61').
Questa vespa all'epoca ottenne un buon successo tra i vespisti perchè presentava tante novità sia estetiche che meccaniche, ma sopratutto erano gli anni di tante competizioni motoristiche ed il modello GS sottolineava la vocazione sportiva di casa Piaggio, competizione che vedeva negli anni 50'sopratutto fronteggiarsi a colpi di rekord la Lambretta e la Vespa .
La Piaggio riuscì con questo modello a soddisfare le richieste dei clienti più esigenti che chiedevano un mezzo più sportivo e dalle prestazioni più elevate, anche se in verità l'ammirazione per il modello GRAN SPORT rimase per molti solo un desiderio, visto il costo non proprio economico della 150GS rispetto agli altri modelli in produzione (VL1-2-3, VB1T, VBB, VBA, VNB) per questo motivo la 150GS allora come oggi rimane Oggetto di Lusso molto ricercato.
Furono molte le innovazioni a partire dal telaio che presentava una forma più aerodinamica, ovvero lo scudo anteriore era più inclinato ed era derivato dalla 125 sport(51'-53').
Il manubrio era pressofuso in alluminio e al suo interno era alloggiato il faro di dimensioni più grandi(115 mm).
Le sacche erano di dimensioni più grandi e il sellone era lungo e confortevole e permetteva di sedersi accucciati sul retro, le ruote erano da 10 pollici e il motore specifico per il modello presentava un bel cambio a 4 marce oltre a molte diverse modifiche che poi saranno dettagliate in seguito.
Ottime erano le prestazioni che sfioravano i 100 Km/h, anzi li suoperavano (VS3-4-5) fu in effetti la prima Vespa di serie a raggiungere tale velocità di tutto rispetto visti i suoi tempi.
La gs 150 è stata prodotta in una sola colorazione girgio metallizzato che rimarrà invariata per tutta la produzione dalla vs1 alla vs5, và detto però che ogni modello aveva negli anni 50' e 60' unica colorazione e solo sul finire degli anni 60 verranno fornite due o tre colorazioni per modello al fine di stimolare il mercato.
In questa scheda tecnica saranno riportate tutte le caratteristiche e le particolarità della vs5 prodotta in circa 80.000 esemplari dal numero di telaio 0047351 al telaio 00127350.

DETTAGLIO COLORAZIONE




PARTI IN TINTA: fiancate post sx (davanti e dietro), faincata motore (solo esterno interno sbuffatto), serbatoio, manubrio (dentro e fuori), parafango ant, telaio, sportello carburatore (sia avanti che dietro).

BASE FONDO: il Fondo è in generale di colore ROSSO, esiste però anche una variante fine serie (1960-61) in VERDE CHIARO (solo modelli VS5 seconda serie con numerazione telaio posta sul bordo inferiore del telaio sotto fiancata Sx) il verde chiaro fu sporadicamente utilizzato anche per alcune parti singole sulle coetane VNB1 non è raro difatti trovare pianali portapacco o fondi serbatoio o tubi comando manubrio o coperchi scatola filtro aria (interno)di VNB1 in quella particolare tinta VERDE CHIARA (codice sconosciuto), quasi a sottolineare come apparentemente in modo casuale nel 1960 fu utilizzato per un breve periodo il FONDO VERDE, forse in ragione del fatto che il ROSSO era TERMINATO!? O per mero errore...

Le Parti che a vista rimangono dopo la VERNICIATURA colore del FONDO sono: interno parafango, interno sacca laterale lato motore, pozzetto interno telaio (sotto serbatoio), in alcuni casi (anche qui c'è una certa casualità) la parte inferiore del serbatoio a partire da una fascia di 3-5 cm dal piano verniciato in tinta.
Stesso discorso per i numeri di telaio che sono alloggiati sotto la sacca sinistra, per quanto riguarda i NUMERI SERIE TELAIO sul bordo del vano sportellino sul ponte (Tutte dalla Vs1 alla VS5 "prima serie") vanno su base FONDO ROSSO con cartella sfumata anche se sono accettabili anche in tinta se ben visibili, i soli modelli VS5 "seconda serie" li hanno in tinta e posti come già detto sul bordo del telaio sotto la sacca laterale sx (come in uso sul finire degli anni 50 sui telai di nuova generazione privi di sportello ispezione carburatore, l'ultima Vespa ad avere i numeri sotto lo sportellino sarà la VB1T del 1957 ed appunto la VS5 del 1960)

NERO RAGGRIZZANTE:cuffia copricilindro,coperchio vaschetta depuratore,coperchio presa bassa tensione.

GRIGIO ALLUMINIO 1.268.0983: copriventola, stelo forcella, mozzo anteriore, cerchioni, tamburi. (la Vs1 aveva lo stelo in tinta? "non confermato")

TRATTAMENTI

CROMATURE:coperchio devioluci, nottolino commutatore,ghiera fanale,stop,clacson,moschettoni o viti di fissaggio maniglia sella,cornice contakm,viti fissaggio leve frizione e freno anteriore,serratura bauletto.

ZINCATURE:bulloneria esterna,cavalletto e staffe,staffa batteria,piastra chiusura sella,molla ammortizzatore anteriore,stelo ammortizzatore posteriore ma qui ci sono tesi discordanti.

FOSFATIZZAZIONE:coperchio radrizzatore,molla e supporto ammortizzatore posteriore anche se in fase di restauro si opta anche per la brunitura, ciò non compromette il restauro in quanto questi trattamenti hanno lo stesso fine:prevenire la ruggine.









BRUNITURA:4 viti fissaggio ventola motore

NICHELATURA OPACA:serratura bloccasterzo

LUCIDATURA A SPECCHIO:manicotti manubrio,leve freno anteriore e frizione,pedale freno posteriore,pedivella,cresta parafango,leva rubinetto miscela,pomello aria, testine terminali liste pedana,gancio portaborsa,gancio fissaggio sacca sinistra.

PARTICOLARI

Il CONTACHILOMETRI è di forma a ventaglio con fondo scala a 120 KM/h
di marca VEGLIA BORLETTI e con lampadine di illuminazione 6V-0,6w.
Fino al 60'(numerazione di telaio non identificata) il fondo strumento aveva delle finestrelle di separazione tra i numeri del contatore chilometri, dopo venen adottato quello ad unica finestra (come GL).
Stesso discorso per la spia rossa alloggiata nel manubrio sopra il contakm che segnalava l'accensione delle luci di posizione sulle ultime serie è assente.






La ghiera del fanale marchiata SIEM viene fissata al manubrio con 2 viti nella parte inferiore il fissaggio superiore è assicurato da una linguetta, come in uso corrente anche sugli altri manubri vespa.



Lo scudetto adesivo davanti allo scudo è in plastica rigida, anche se le più anziane VS1 e VS2 potrebbero ancora montare in origine un raro scudetto in metallo, oggigiorno il ricambio è introvabile, monta quindi quello in resina simile di nuova fattura.

La scritta " gs" è di colore blu scuro (simil zaffiro o notte) ed è fissata con dei ribattini.







Il parafango ha la stessa forma delle serie precedenti ma si presenta con un bordino di rinforzo.

I Tamburi sulla VS5 sono di nuovo disegno, detti anche autoventilanti, saranno da allora montati su gran parte dei modelli, fino alla attuale PX, i cerchi sono ora ad anello scomponibili da 10 pollici e vengono fissati mediante 5 bulloni con passo interno standard da 8mm ed esagono da 14, centralmente c'è una piccola borchia d'acciaio che copre il mozzo.
Questo sistema rispetto al precedente che veniva fissato con 4 dadi è più sicuro, inoltre il disegno con le alette dei tamburi permette un miglior raffreddamento.




La cresta fissata sul parafango è la stessa della vs1-4 fino alla numerazione di telaio 0059310 poi dal telaio 0059311 verrà sostituita con un'altra di forma diversa.






L'ammortizzatore anteriore è in alluminio tipo faro basso fino al telaio 0066029 poi dal telaio 0066030 verrà sostituito con quello in metallo (non confermato, a detta di molti l'ammo ant sulle VS5 è sempre di tipo a gomito grande)






IL bordoscudo originale dell'epoca è in acciaio inox ed è marcato ULMA,lo stesso marchio è visibile sull'estremità dello stesso.
Inoltre differisce dalle riproduzioni non solo per la qualità ma anche perchè per ogni semiscudo ci sono 5 viti a grano per fissarlo anzichè 4.






Dietro lo scudo nella parte di destra c'è l'adesivo rodaggio al 6% (che andrebbe in colorazione BLU)




Il portaruota è alloggiato dietro lo scudo ed è di tipo frontale.
Questo pezzo è opzionale e in varie opzioni e forme, dal classico Fabbri con la molletta a quello che presentava nella parte superiore un gommino.
Al centro del portaruota stesso c'è anche una filettatura che serve per alloggiare il serbatoio (tanica) supplementare.

Immagine:

5,72 KB

Immagine:

124,88 KB


Il serbatoio supplementare è un optional ed ha una capacità di 5l,lo stesso non ha nessun tipo di collegamento al serbatoio della ed è fissato al portaruota di scorta mediante un pomello a vite.
Questo accessorio venne ideato per favorire le lunghe percorrenze,
i cosidetti raid.
Esistono due versioni di questa tanica supplementare, per portaruota trasversale e longitudinale, in foto la versione trasversale, capiente di ben 5Litri!

Immagine:

121,77 KB

Immagine:

2,33 KB

Le strisce pedana sono composte da ben 9 pezzi e le liste esterne lato bordoscudo hanno dei particolari terminali lunghi (marcati ULMA)che vanno ad incastrarsi sotto l'estremità del bordoscudo stesso.


Immagine:

112,89 KB

Immagine:

103,56 KB

I bulloni per il fissaggio del cavalletto sono in posizione rovescia e sono fissati con dei bulloni ciechi,lo stesso sistema era adottato anche sulla precedente vs4 e sulle FAROBASSO in genere.


Immagine:

99,08 KB

Nuovo, robusto e chiudibile tramite un sistema a molla è il gancio portaborsa in alluminio, fissato sul telaio sotto la sella, lo stesso verrà montato sulla gran lusso del 63'.


Immagine:

93,24 KB

I numeri di telaio sono visibili sul bordo del telaio all'interno dello sportellino fino alla numerazione 52360,dal telaio 52361 i numeri si trovano sotto la sacca sinistra (come precedentemente detto)


Immagine:

10,31 KB

Immagine:

11,88 KB

La sella è di colore blu scuro è munita di targhetta aquila continentale, la bordura di finitura è in grigio, la maniglia in plastica rigida BLU ha anima in metallo ed è fissata al sellone per mezzo di due moschettoni fino al telaio 0082388, dal telaio 0082389 la maniglia è fissata con delle viti a taglio.


Immagine:

6,85 KB

Immagine:

114,24 KB

Il serbatoio ha una capacità di 9,5l ed è munito di un tappo di chiusura con galletto a vite,quest'ultimo può essere coperto da un gommino che era opzionabile,sullo stesso tappo c'è l'adesivo miscela al 6% in colorazione azzurra (specifica 150GS -tutte- e 90SS colorazione ROSSA)

Immagine:

66,51 KB

Sul serbatoio stesso c'è anche una piastrina fissata accanto alla sella che funge da fermo serbatoio.
Sull'estremità del serbatoio c'è anche la piastra per fermare la sella fissata con 2 bulloni con esagono da 14.


Immagine:

62,82 KB

Lo stop è lo stesso della vs4 in tinta con gemma dello stop color arancio fino alla numerazione di telaio 87589,poi dal telaio 87590 monta uno stop di dimensioni più grandi, cromato e la plastica ha incorporato il catarifrangente, il tutto marchiato SIEM.

Immagine:

3,24 KB

Immagine:

9,24 KB

Oltre alla fanaliera anche il devioluci nella sua parte interna del commutatore è marchiato SIEM.


Immagine:

133,25 KB

Infine la marmitta è in ferro acciaioso trattato con trasparente sfumato orato, questo fà sì che con il tempo la stessa assuma una colorazione brunita e marroncina tendente al nero (virato oro), la ghiera di fissaggio al cilindro non è verniciata ed è in una lega di colore argenteo (alluminio?) calettata al collettore mediante una ghiera filettata, non va assolutamente verniciata anche se sul conservato di V-tecnica la stessa è di colore nero.

Immagine:

90,43 KB

MOTORE

Il motore è a 2 tempi e funziona (unicità Gs150) con miscela al 6% monta il carburatore dell'orto ub 23s3 a vaschetta laterale collegato direttamente sul cilindro, il cambio è a 4 marce.
Il vs5m (sigla motore) rispetto alle precedenti serie subisce una modifica fondamentale per aumentare la sua affidabilità,infatti la camera di scoppio è trasformata ad alta turbolenza(a berretto di fantino)per migliorare il rendimento.
I numeri per l'identificazione del motore sono (ancora) stampigliati sul braccio motore che mantiene il sistema vecchio tipo a braccio scomponibile,il copriventola è a tre razze (tipo struzzo)e la vaschetta laterale del depuratore è munita di uno scarico a mezzo di un tubicino di gomma nero assicurato da una staffetta sul prigioniero del carter motore.


Immagine:

220,97 KB

Immagine:

123,18 KB



Immagine:

142,52 KB


Immagine:

12,54 KB

IMPIANTO ELETTRICO

L'impianto elettrico è munito di una batteria a 6v-12ah e raddrizzatore metallico.
La batteria ha la funzione di alimentare la bobina a.t. esterna che a sua volta mette sotto tensione la candela a cui è collegata.
Per azionare il motore ed ottenere la scintilla è necessario che venga ruotata la chiave di accensione nel commutatore nella relativa posizione(diversa da zero).
La batteria oltre ad alimentare la bobina a.t. e quindi la candela alimenta anche il clacson,le luci di posizione e la luce dello stop(alimentata mediante l'azionamento del pedale del freno a mezzo di un piccolo interruttore).
Ottenuto l'avviamento del motore è il volano del motore a 6 poli che genera una corrente alternata che arriva al raddrizzatore.
Quest'ultimo ha il compito di "raddrizzare" o meglio trasformare la corrente alternata generata dal volano in corrente continua che servirà a sua volta a tenere sotto carica la batteria quando il motore è in marcia.
Difetto molto temuto dai vespisti è l'inefficienza della batteria e del raddrizzatore.
Infatti se la batteria non è carica al 100% difficilmente si può realizzare l'avviamento classico tramite la pedivella,non a caso per sopperire a questa deficienza la vespa viene avviata a "spinta".
E'nota più dolente quando si tratta del raddrizzatore, se lo stesso non funziona bene il motore può risentire in carburazione e quindi in rendimento.
Per evitare questo problema viene utilizzato un raddrizzatore moderno al silicio anzichè uno al selenio utilizzato in quegli anni.


Immagine:

12,24 KB

SCHEMI UTILI



Immagine:

10,28 KB

Immagine:

10,56 KB

Immagine:

10,7 KB

Immagine:

10,48 KB


CONCLUSIONE: la GS150 è modello molto apprezzato dai vespisti per la sua linea sportiva, sarà in produzione per circa sette anni dal suo lancio nelle varie versioni, mantenendo sempre il motore a braccio separabile (tipo Farobasso) ed alimentazione diretta al cilindro al 6%, caratteristiche assieme alla colorazione ARGENTO che dsitingueranno sempre e subitaneamente una GS da qualunque altro modello.
Veloce ed elegante la GS più di altro, oggi come allora è il "punto di arrivo" di ogni buon vespista, famosa per la sua eccessiva compressione una GS è in vero meno performante di tanti modelli ad ammissione a valvola rotante (2%), ed ha un telaio di vecchia generazione (no semigusci), questo per gli esperti è nota di garnde fascino... fascino che solo una GS ha unendo la tradizione alle prestazioni, sarà la PIU' VELOCE delle Vespa a telaio unico di ogni tempo (tranne SEI GIORNI CLIENTI).

Il suo Fascino immutato la erige a modello di grande pregio collezionistico.

pugnodidadi
Torna all'inizio della Pagina

santolo
Utente Senior

fb

Città: Fossacesia


1247 Messaggi

Inserito il - 16/09/2010 : 14:31:16  Mostra Profilo Invia a santolo un Messaggio Privato
ottimo Paolo ,su alcune cose tipo cerchi ruota ,tubosterzo e coprimozzo alluminio così come l'adesivo rodaggio blu non mi trovi d'accordo....

ma sono quelle piccole sciocchezze che non compromettono il tuo fondamentale intervento.

cmq ricordati di quello che ti dissi in mp,studiare il modello e' facile ma restaurarlo e'difficile quindi immagina il peso e l'importanza che do alle tue proverbiali poesie ops!parole

ora aspettiamo solo mimmo che voleva aggiungere qualcosa sull'impianto elettrico e dopo spero di vederla nelle altre faq


FAQ:gs 150 vs5
http://www.vespaforever.net/forum/topic.asp?TOPIC_ID=24307&SearchTerms=,scheda,tecnica,vs5
Torna all'inizio della Pagina

mimmo
Moderatore


Regione: Campania
Città: Sorrento


8665 Messaggi

Inserito il - 22/09/2010 : 00:26:52  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di mimmo  Clicca per vedere l'indirizzo MSN di mimmo Invia a mimmo un Messaggio Privato
Merita di essere spostata nelle FAQ e infatti la sposto!
Volevo aggiungere tutta una parte dedicata all'impianto elettrico, alle funzioni del commutatore e ai collegamenti che realizza nelle varie posizioni e infine alle modifiche da apportare all'impianto per eliminare la batteria, ma avrei inquinato la FAQ di santolo, preferisco lasciarla così, semmai farò un post sulle mie note quando e se ne avrò tempo (e voglia).


Onore e Merito per santolo.

Complimenti!



I DON`T CARE OF LESS

Ho le spalle sulla testa, io! (cit Fra2)

Dai un occhiata al mio blog e dimmi che ne pensi http://vespaebasta.blogspot.it
Torna all'inizio della Pagina

yuri76
Utente Master

back


Regione: Friuli-Venezia Giulia
Prov.: Udine
Città: Villa Vicentina


3703 Messaggi

Inserito il - 05/11/2011 : 21:34:01  Mostra Profilo Invia a yuri76 un Messaggio Privato
Posso fare il rompi*****???

Il gancio portaborse in foto è sbagliato.

In realtà quello in foto è per GL, con fresata appunto sulla base di appoggio per far stare il labbro delle lamiere accoppiate.

Il gancio originale di questo modello non ha quella fresata anche se per il resto è uguale in tutto e per tutto.
Verificato di persona sulla conservata di un compaesano...

"I like remembering when women were safe and bikes dangerous"
Torna all'inizio della Pagina
   Discussione Discussione Successiva  
 Forum Bloccato
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
Forum Vespa Piaggio: Vespaforum e mercatino di www.vespaforever.net © 2000 - 2017 vespaforever.net Torna all'inizio della Pagina
NUOVO VESPA FORUM VESPA FOREVER | Snitz.It | Snitz Forums 2000

Mercatino Vespa | Archivio Forum | VespaForever